Passa ai contenuti principali

Italia vs Giappone: I Manga


Visto che lo studio del giapponese pian piano procede, ho deciso di darmi alla lettura.
Ho iniziato a leggere le Favole per bambini, e visto che riuscivo a capire abbastanza ho deciso di fare il salto successivo ^-^… ovvero i MANGA!!!!
Ho ordinato alcuni volumetti, atteso che arrivassero, e quando li ho aperti…. Il mio sogno si è infratto… Erano decisamente più complicati del previsto, anche perché sono scritti con caratteri molto piccoli.

Visto che per ora non ho fatto progressi con la lettura, ho deciso di parlare delle differenze tra i volumetti italiani e giapponesi.
Come esempio ho tra le mani l’ultimo volumetto di ONE PIECE nelle due versioni.

Osserviamo!!!

Dimensioni; il Volumetto ha più o meno lo stesso numero di pagine, ma la versione italiana è alto circa 2/3  della versione giapponese. le altre dimensioni e il peso sono presso che identiche.

Tipo di carta; sottile e di buona qualità per la versione italiana, grossolana di qualità sicuramente inferiore e spesso riciclata per la versione giapponese. 

Copertina; la versione giapponese ha una sovra-copertina antimacchia che nasconde una copertina rigida spesso con un’immagine differente dalla sovra-copertina. il volume italiano mantiene un’unica copertina rigida ambo i lati uguale alla versione della sovra-copertina giapponese.

Costo; bè questo è un dato interessante… Volume Italiano 3,90 euro ( iva inc. ). Volume Giapponese 420 yen ( circa 4,02 euro iva inclusa ).

NB; nella versione giapponese, all'interno vi è sempre un piccolo segnalibro, e quando acquistate un volumetto vi viene sempre aggiunta un'ennesima sovra-copertina anonima, per permettervi di leggerlo in un luogo pubblico mantenedo la vostra privacy.

Per finire c'è da dire che i volumeti giapponesi, sono in realtà raccolte degli episodi usciti settimanalmete sulle riviste dedicate di fornato A4, decisamente piu facili da leggere, e raccolgono all'incirca 2 mesi e mezzo di pubblicazioni.

Possiamo dire che non questa sfida si può concludere con un pareggio ^-^
  

Commenti

  1. Bè il credo che il risultato dovrebbe essere 1-0 per l'Italia, in fondo se la carta è migliore il prodotto è migliore, e visto che costa meno (anche se di poco)il punto va sicuramente all'Italia!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Account iTunes Giapponese.

Letture: Autostop con il Buddha.

Nuova rubrica sempre più attuale. Mi hanno chiesto spesso durante gli ultimi viaggi, consigli su libri per approfondire la conoscenze del Giappone e soprattutto dei giapponesi.  Oggi Inizio questa rubrica con un consiglio particolare, non è certo un saggio sociologico, ma comunque penso debba far parte delle letture necessarie per capire come uno straniero che vive in Giappone vede questo affascinate ma anche complicato paese.

Autostop con il Buddha: diWill Ferguson, narra il viaggio, appunto in autostop, di uno straniero, che partendo dall'estremo sud (l'inferno) a nord , segue la fioritura dei ciliegi. Questa premessa è un pretesto per raccontare il Giappone attraverso i personaggi incontrati, dalle personalità sfaccettate, ricche di apparenti contraddizioni all'occhio non attento..  Non mancano Gag e incomprensioni culturali che riescono a rendere allegro e mai noioso il racconto.
Buona lettura. ^-^ Potete ordinarlo da da Amazon su questo link aiutando cosi il mio blog s…

Obuse e Hokusai:

Obuse é una piccola città non lontano da Nagano, il cui grazioso centro di casette in legno ci fa tornare in dietro nel tempo. Come tutta la zona di Nagano anche Obuse è famosa per la produzione di sake, ma molti non sanno che è anche la città dove il famoso artista Hokusai ha trascorso l'ultima parte della sua vita.
Nel centro della città, sia apre sulla piazza principale il museo a lui dedicato.
Hokusai fu invitato a trasferirsi ad Obuse dal mercante Takai Kozan, innamorato delle opere del talentuoso artista, a tal punto da sostenerlo economicamente in modo che si potesse dedicare esclusivamente alle sue opere. In seguito Kozan divenne suo allievo e contribui a trasformare Obuse in una piccola città ricca di arte e di cultura.
Ancora oggi ha mantenuto questo spirito e grazie al suo patrimonio culturale, offre ai viaggiatori una varietà di musei d'arte e produzione locali.
I prodotti tipici della zona sono il sake e birra che vengono prodotti in distillerie locali, e dolci a b…