Passa ai contenuti principali

Giochi tradizionali; Origami


In questi giorni, in cui il maltempo ci accompagna, ho iniziato a insegnare a mio nipote Lorenzo, che si annoiava ciondolando per casa, un bel passatempo che ci arriva dalla terra del sol levante.


Gli Origami infatti sono un’arte tradizionale giapponese che consiste nel piegare la carta in modo da realizzare molte cose piante e animali di forme diverse.

È un ottimo passatempo per i bambini, infatti non solo viene insegnato dai nonni ai nipoti o dai genitori ai figli, ma talvolta anche all’interno di scuole o asili vi sono giornate dedicate a questa arte.

Una delle figure piu famose é la Gru di carta, solitamante è una delle prime figure che s'impara a realizzare, non è troppo complicata e da  un risultato finale molto soddisfacente anche per chi è alle prime armi.

Per chi avesse voglia di cimentarsi in quest'arte, di seguito vi pubblico il tutorial della Gru.

Buon divertimento!

Commenti

  1. Dove si posso trovate i modelli?

    RispondiElimina
  2. Si trovano molti manuali, anche in Italia, oppure si può cercare in rete qualche immagine come quella che ho trovato io!

    RispondiElimina
  3. HO letto che esiste della carta appassita per realizzare gli origami.
    Si deve usare quella o basta carta normale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è vero esiste!
      Me essendo sottile e colorata certo il risultato è forse migliore, ma va benissimo anche quella normale.

      Elimina
    2. Grazie.
      Divi si può trovare la carta da origami?
      Quanto costa?

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Account iTunes Giapponese.

Obuse e Hokusai:

Obuse é una piccola città non lontano da Nagano, il cui grazioso centro di casette in legno ci fa tornare in dietro nel tempo. Come tutta la zona di Nagano anche Obuse è famosa per la produzione di sake, ma molti non sanno che è anche la città dove il famoso artista Hokusai ha trascorso l'ultima parte della sua vita.
Nel centro della città, sia apre sulla piazza principale il museo a lui dedicato.
Hokusai fu invitato a trasferirsi ad Obuse dal mercante Takai Kozan, innamorato delle opere del talentuoso artista, a tal punto da sostenerlo economicamente in modo che si potesse dedicare esclusivamente alle sue opere. In seguito Kozan divenne suo allievo e contribui a trasformare Obuse in una piccola città ricca di arte e di cultura.
Ancora oggi ha mantenuto questo spirito e grazie al suo patrimonio culturale, offre ai viaggiatori una varietà di musei d'arte e produzione locali.
I prodotti tipici della zona sono il sake e birra che vengono prodotti in distillerie locali, e dolci a b…

Ryuho Draft; la birra blu.

Ormai dal 2009 questa curiosa bevanda arricchisce le tavole dei nostri amici d'oltre mare.