Passa ai contenuti principali

Gli scaldini Giapponesi;

Con l'arrivo del prima freddo in pensiero va immancabilmente agli scaldini nipponici.

Infatti sono una manna dal cielo per chi vive in Giappone, ma non vuole rinunciare alla passeggiata al parco o al "Deto" a Disney Land.

Cosa sono? 
bè semplicemente dei sacchettini, che una volta aperti, a contatto con l'aria per una reazione chimica iniziano a produrre calore.

 

Ne esistono di svariate forme e dimenzioni, Scalda mani, scalda piedi, da tenere in tasca o con un adesivo che ci permette di attaccarli sul corpo dove piu ci aggrada.

Purtroppo sono usa e getta e la loro durata è limitata a circa 6-8 ore, pero la loro estrema versatilita, diffisione ( posso essere acquistati praticamente ovunque ) semplicita di utilizzo e prezzo decisamente contenuto ( circa 1- 1,50 euro cad ) li rendono un prodotto che mai mancha nelle tasche dei Giapponesi.

Un uso molto inteligente di cui sono stato testimone, è l'abitudine da parte delle ragazze di aprirlo e tenerlo in borsa, in modo da creare una sorta di piccola stufetta che si rivela veramente utile!

In italia purtroppo ancore non sono facili da reperire, ma in qualche fiera è possibile trovarli.

Se volete info su dove acquistare scrivete qui








Commenti

Post popolari in questo blog

Account iTunes Giapponese.

Letture: Autostop con il Buddha.

Nuova rubrica sempre più attuale. Mi hanno chiesto spesso durante gli ultimi viaggi, consigli su libri per approfondire la conoscenze del Giappone e soprattutto dei giapponesi.  Oggi Inizio questa rubrica con un consiglio particolare, non è certo un saggio sociologico, ma comunque penso debba far parte delle letture necessarie per capire come uno straniero che vive in Giappone vede questo affascinate ma anche complicato paese.

Autostop con il Buddha: diWill Ferguson, narra il viaggio, appunto in autostop, di uno straniero, che partendo dall'estremo sud (l'inferno) a nord , segue la fioritura dei ciliegi. Questa premessa è un pretesto per raccontare il Giappone attraverso i personaggi incontrati, dalle personalità sfaccettate, ricche di apparenti contraddizioni all'occhio non attento..  Non mancano Gag e incomprensioni culturali che riescono a rendere allegro e mai noioso il racconto.
Buona lettura. ^-^ Potete ordinarlo da da Amazon su questo link aiutando cosi il mio blog s…

Obuse e Hokusai:

Obuse é una piccola città non lontano da Nagano, il cui grazioso centro di casette in legno ci fa tornare in dietro nel tempo. Come tutta la zona di Nagano anche Obuse è famosa per la produzione di sake, ma molti non sanno che è anche la città dove il famoso artista Hokusai ha trascorso l'ultima parte della sua vita.
Nel centro della città, sia apre sulla piazza principale il museo a lui dedicato.
Hokusai fu invitato a trasferirsi ad Obuse dal mercante Takai Kozan, innamorato delle opere del talentuoso artista, a tal punto da sostenerlo economicamente in modo che si potesse dedicare esclusivamente alle sue opere. In seguito Kozan divenne suo allievo e contribui a trasformare Obuse in una piccola città ricca di arte e di cultura.
Ancora oggi ha mantenuto questo spirito e grazie al suo patrimonio culturale, offre ai viaggiatori una varietà di musei d'arte e produzione locali.
I prodotti tipici della zona sono il sake e birra che vengono prodotti in distillerie locali, e dolci a b…