Passa ai contenuti principali

Giochi tradizionali: Shogi


DagIi ultimi sondaggi è emerso che molto interesse dai frequentatori del blog, è lo spazio dedicato ai gadget e ai giochi tradizionali. Quindi oggi parliamo di SHOGI

Il gioco dello shogi è un antico gioco da tavola, originario del Giappone e viene talvolta definito scacchi giapponesi .
L’Obiettivo del gioco, come negli scacchi, è la cattura del re dell'avversario, ma le regole e soprattutto la strategia per arrivare a questo sono abbastanza diverse.

Il gioco prevede che i Due giocatori (Gote e Sente), giochino su una scacchiera (shogiban) composta da una griglia di 9 traverse per 9 colonne. Le caselle non sono differenziate dal colore dello sfondo. Ogni giocatore dispone di 20 pezzi, che pero non differiscono ne i forma ne in colore per entrambi i giocatori. Unico elemento distintivo delle pedine, è il nome scritto sopra in kanji e il verso in cui vengono posizionati.


I pezzi sono i seguenti e vengono posizionato i questo ordine

Prima riga davanti a ogni giocatore:
  • 1 Re  è posizionato nella colonna centrale
  • 2 Generali Oro sono posizionati nelle colonne adiacenti al re
  • 2 Generali Argento sono posizionati accanto a ciascun generale oro
  • 2 Cavalli sono posizionati accanto a ciascun generale argento
  • 2 Lance sono posizionate nei due angoli, accanto a ciascun cavallo
Seconda riga davanti a ogni giocatore:
  • 1 Alfiere è posizionato sulla stessa colonna del cavallo alla sinistra del giocatore
  • 1 Torre è posizionato sulla stessa colonna del cavallo alla destra del giocatore
Terza riga davanti a ogni giocatore:
  • 9 Pedoni sono posizionati uno per ogni colonna.

I giocatori si alternano nell'effettuare le mosse, con il Nero che muove per primo (i pezzi non sono differenziati dal colore, quindi l'unico effetto della scelta di Bianco o Nero è decidere chi gioca per primo. 

Naturalmente ogni pezzo si muove in modo e in numero di caselle che varia da pezzo a pezzo.

Una mossa consiste nel movimento di un pezzo sulla scacchiera ed eventualmente la sua promozione, oppure nel paracadutaggio (dropping) di un pezzo catturato su una casella libera della scacchiera

Io non ho la pretesa di insegnarvi in poche righe a giocare a shoji, il mio scopo è di informarvi dell’esistenza di questo gioco e accendere magari la curiosita di provare.  
Ciascuna delle regole e tecniche sarà illustrata in un manuale reperibile nei siti delle associazioni di shogi.

Se volete imparare a giocare, potere seguire un utile video corso che trovate su youtube a questo indirizzo.

Se volete info su dove acquistare scrivete qui

Commenti

Post popolari in questo blog

Account iTunes Giapponese.

Letture: Autostop con il Buddha.

Nuova rubrica sempre più attuale. Mi hanno chiesto spesso durante gli ultimi viaggi, consigli su libri per approfondire la conoscenze del Giappone e soprattutto dei giapponesi.  Oggi Inizio questa rubrica con un consiglio particolare, non è certo un saggio sociologico, ma comunque penso debba far parte delle letture necessarie per capire come uno straniero che vive in Giappone vede questo affascinate ma anche complicato paese.

Autostop con il Buddha: diWill Ferguson, narra il viaggio, appunto in autostop, di uno straniero, che partendo dall'estremo sud (l'inferno) a nord , segue la fioritura dei ciliegi. Questa premessa è un pretesto per raccontare il Giappone attraverso i personaggi incontrati, dalle personalità sfaccettate, ricche di apparenti contraddizioni all'occhio non attento..  Non mancano Gag e incomprensioni culturali che riescono a rendere allegro e mai noioso il racconto.
Buona lettura. ^-^ Potete ordinarlo da da Amazon su questo link aiutando cosi il mio blog s…

Obuse e Hokusai:

Obuse é una piccola città non lontano da Nagano, il cui grazioso centro di casette in legno ci fa tornare in dietro nel tempo. Come tutta la zona di Nagano anche Obuse è famosa per la produzione di sake, ma molti non sanno che è anche la città dove il famoso artista Hokusai ha trascorso l'ultima parte della sua vita.
Nel centro della città, sia apre sulla piazza principale il museo a lui dedicato.
Hokusai fu invitato a trasferirsi ad Obuse dal mercante Takai Kozan, innamorato delle opere del talentuoso artista, a tal punto da sostenerlo economicamente in modo che si potesse dedicare esclusivamente alle sue opere. In seguito Kozan divenne suo allievo e contribui a trasformare Obuse in una piccola città ricca di arte e di cultura.
Ancora oggi ha mantenuto questo spirito e grazie al suo patrimonio culturale, offre ai viaggiatori una varietà di musei d'arte e produzione locali.
I prodotti tipici della zona sono il sake e birra che vengono prodotti in distillerie locali, e dolci a b…