Passa ai contenuti principali

Soul of Chogokin gx-53, Daitarn3:


Uscito il 24 aprile 2010, con quasi 2 anni di gestazione da parte di Bandai, il gx-53 Daitarn3 arriva infine in Italia, anche grazie all’importazione esclusiva da Cosmic Group che ha raggiunto un accordo con la ditta Giapponese. 

Sin dal 1997, anno in cui il primo gx vide la luce, ogni appassionato aveva desiderato mettere le mani su un degno modello di Daitarn 3, non molto popolare in patria ma famosissimo qui da noi al pari di Mazinga, Goldrake e Gundam. Sono passati 13 anni e il sogno si è realizzato.
Mamma Bandai ha pensato anche a noi (più che altro incoraggiata dalle buone vendite dei suoi prodotti in Italia).

Imponente con quasi 30 cm di altezza, abbastanza metalloso (ma non troppo), pesante e posabile, questo Daitarn ha tanti accessori fatti bene, un vero gioiello! La match patrol completamente trasformabile è una chicca in più che da sola vale l’acquisto. Le armi storiche ci sono tutte: le spade, la mazza a catena, i ventagli, la lancia. C’è anche il daitarn missile a scomparsa nelle “parti basse” del robot. Tra i vari set di mani è inoltre presente quella col dito indice puntato che assieme al secondo volto intercambiabile per simulare le caratteristiche espressioni facciali del Daitarn, può essere usata per esporre il robottone in posa “Attacco Solare”! 

Veniamo alle trasformazioni. Sono proprio 3 le configurazioni che il Daitarn può assumere: Robot, Carro Armato e Nave Spaziale. In questo modello sono state quasi completamente rispettate. Per il carro armato avremo i cingoli che come nell’anime dalla schiena del robot passeranno al suo interno o davanti a seconda della modalità (anche se è presente un supporto più grande coi cingoli in gomma; nel cartone si ingrandivano e purtroppo nella realtà non è possibile), la testa scomparirà all’interno chiusa negli spallacci laterali anche in modalità nave spaziale. Insomma pur ammettendo qualche piccolo compromesso (le due spalle a punta sono la parte meno riuscita e meno somigliante all’anime) questo gx è comunque un capolavoro di progettazione, contando che a differenza di molti altri è un trasformabile… 

Che dire, un acquisto consigliatissimo anche se il prezzo non è proprio dei più popolari. Suggerisco di non spendere più di 130 euro. Se lo trovate più caro non prendetelo, quello è il suo prezzo! 

A presto con la recensione di un altro pezzo da 90: il Daltanious!

Scritto da Matteo

Commenti

Post popolari in questo blog

Account iTunes Giapponese.

Letture: Autostop con il Buddha.

Nuova rubrica sempre più attuale. Mi hanno chiesto spesso durante gli ultimi viaggi, consigli su libri per approfondire la conoscenze del Giappone e soprattutto dei giapponesi.  Oggi Inizio questa rubrica con un consiglio particolare, non è certo un saggio sociologico, ma comunque penso debba far parte delle letture necessarie per capire come uno straniero che vive in Giappone vede questo affascinate ma anche complicato paese.

Autostop con il Buddha: diWill Ferguson, narra il viaggio, appunto in autostop, di uno straniero, che partendo dall'estremo sud (l'inferno) a nord , segue la fioritura dei ciliegi. Questa premessa è un pretesto per raccontare il Giappone attraverso i personaggi incontrati, dalle personalità sfaccettate, ricche di apparenti contraddizioni all'occhio non attento..  Non mancano Gag e incomprensioni culturali che riescono a rendere allegro e mai noioso il racconto.
Buona lettura. ^-^ Potete ordinarlo da da Amazon su questo link aiutando cosi il mio blog s…

Obuse e Hokusai:

Obuse é una piccola città non lontano da Nagano, il cui grazioso centro di casette in legno ci fa tornare in dietro nel tempo. Come tutta la zona di Nagano anche Obuse è famosa per la produzione di sake, ma molti non sanno che è anche la città dove il famoso artista Hokusai ha trascorso l'ultima parte della sua vita.
Nel centro della città, sia apre sulla piazza principale il museo a lui dedicato.
Hokusai fu invitato a trasferirsi ad Obuse dal mercante Takai Kozan, innamorato delle opere del talentuoso artista, a tal punto da sostenerlo economicamente in modo che si potesse dedicare esclusivamente alle sue opere. In seguito Kozan divenne suo allievo e contribui a trasformare Obuse in una piccola città ricca di arte e di cultura.
Ancora oggi ha mantenuto questo spirito e grazie al suo patrimonio culturale, offre ai viaggiatori una varietà di musei d'arte e produzione locali.
I prodotti tipici della zona sono il sake e birra che vengono prodotti in distillerie locali, e dolci a b…